9th International Conference on Early Psychosis, Tokyo 2014 - Il ruolo dei disturbi del sé nello sviluppo della schizofrenia

  • Autori Vari

Abstract

Introduzione: Nel riconoscimento precoce delle psicosi vengono utilizzati due tipi di criteri di rischio: i criteri Ultra-High-Risk (UHR) e i Disturbi Cognitivi (COGDIS) dei sintomi di base. Oltre a questi criteri, Parnas e colleghi hanno sviluppato un altro strumento di valutazione, l’Esame dell’Abnorme Esperienza del Sé (EASE), per la valutazione dei disturbi del Sé (Self Disorders -SDs), considerati un’espressione soggettiva specifica dei disturbi dello spettro schizofrenico.
Metodi: lo studio in oggetto è di tipo multicentrico. Il campione consiste in 96 adolescenti helpseekers di età compresa tra il 14 e i 18 anni. Tutti i partecipanti hanno effettuato una valutazione psicopatologica generale ed i Sds sono stati valutati tramite la EASE.
Risultati: 13 soggetti sono stati classificati come psicosi a esordio precoce (Early Onset Psychosis-EOP); 23 soggetti sono stati classificati come ad alto rischio di psicosi secondo i criteri UHR, 60 soggetti sono stati classificati come controlli clinici.
Discussione: sulla base di questi risultati, i SDs sembrano confermarsi come disturbi soggettivi specifici dello spettro schizofrenico. Inoltre questi risultati confermano la correlazione tra i SDs e una alterazione del funzionamento sociale. In conclusione, la EASE può costituire un valido strumento nel riconoscimento precoce della schizofrenia.

Pubblicato
2015-10-01

Puoi leggere altri articoli dello stesso autore/i

1 2 3 4 5 6 7 > >>